Scopriamo insieme bufale e verità sull'acqua alcalina ionizzata

Acqua Alcalina ionizzata Meglio in Salute: il parere di alcuni colleghi Medici

Dottoressa Simona Nichetti: medico chirurgo, esperta in nutrizione, medicina estetica e terapia anti-aging

Scorri in basso per leggere il testo.

Dottor Antonio Canino: ginecologo, dirigente medico presso l’ospedale Niguarda cagranda di Milano, presidente della Commissione Sanità e Servizi Sociali del Consiglio di Zona 2 di Milano.

Scorri in basso per leggere il testo.

Dottor Antonio dell’Aglio: medico chirurgo, odontoiatra , presidente dell’associazione Medica internazionale di nutri puntura europea e docente di diverse scuole di Medicina naturale

Scorri in basso per leggere il testo.

ionizzatori-acqua-alcalina-meglio-in-salute


Per chi cerca uno ionizzatore d'acqua alcalina di massima qualità, consiglio di rivolgersi a Meglio in Salute, azienda italiana che conosco bene, della quale ho massima stima e fiducia.

ionizzatori-acqua-alcalina-meglio-in-salute

L'unica acqua alcalina ionizzata che è stata oggetto di studi medico-scientifici pubblicati da riviste del settore accreditate è l'acqua alcalina prodotta con uno ionizzatore d'acqua tramite meccanismo di elettrolisi, con elettrodi in titanio e platino.

Per approfondire i benefici dell'acqua alcalina ionizzata prodotta da uno ionizzatore d'acqua di qualità:
Leggi tutti i benefici dell'acqua alcalina ionizzata.

 

Dottoressa Simona Nichetti: medico chirurgo, esperta in nutrizione, medicina estetica e terapia anti-aging

“Ciao sono Laura Perin di meglioinsalute.com e sono qui con la dottoressa Simona Nichetti, medico chirurgo, esperta in nutrizione, medicina estetica e terapia anti-aging, che utilizza di preferenza metodi naturali per le sue terapie.

Dottoressa ci può spiegare che cosa si intende per acidosi tissutale?”

“Per funzionare in maniera ottimale e restare in salute il nostro organismo deve vivere a pH vicino alla neutralità o tuttalpiù leggermente basici.

In realtà noi siamo tutti in uno stato di acidità. Molti di noi si preoccupano dello stato del loro colesterolo o della pressione sanguigna ma ben pochi del pH come se avesse meno importanza ma in realtà esso è un parametro fondamentale per la vita.

L’equilibrio acido-base è in continua fluttuazione all’interno del nostro organismo.

I nostri sistemi lo correggono continuamente cercando di mantenerlo entro dei range ottimali.

L’acidosi è uno squilibrio generalizzato dell’organismo e tale condizione, se protratta nel tempo, porta ad un invecchiamento precoce, accelerato degli organi, con loro disfunzione.”

“Dottoressa quali sono i principali danni causati nel nostro organismo da un’acidosi?”

“L’acidosi tissutale investe a braccia aperte tutti gli apparati e tutti gli aspetti della fisiologia del nostro corpo. A farne i conti principalmente è l’apparato gastro-interico con sintomi come bruciore addominale, mal digestione, gastrite, ulcere, sono proprio dettate da uno stato di acidosi.

Uno stato di acidità al livello intestinale non fa lavorare gli enzimi digestivi in maniera ottimale. Questo comporta il sovvertimento della flora batterica intestinale, che va sotto il nome di dizbiosi e, quei sintomi, sono molto comuni tra la popolazione come per esempio il gonfiore addominale o alterazioni dell’alvo come diarrea o più comunemente stipsi ma anche organi come fegato e pancreas sono molto sensibili alla mancanza di basi.

Un loro mal funzionamento si oppone alla risoluzione clinica per esempio di sovrappeso o dell’inestetismo dell’odiata cellulite.”

“Il nostro stile di vita odierno come influisce sull’equilibrio acido basico?”

“L’abitudine alimentare odierna, che concerne l’assunzione di un gran numero di cibi acidificanti, sicuramente a basso contenuto vitaminico minerale è lo stile di vita direi assolutamente innaturale.

Da una parte eccessivamente sedentario e dall’altra frenetico per i continui elementi stresso-geni a cui siamo sottoposti, sbilancia in maniera costante l’equilibrio acido base verso l’acidità. Se aggiungiamo le scorie che provengono dai nostri processi metabolici i danni sono inevitabili. Purtroppo siamo tutti acidi e lo stile di vita odierno di certo non ci aiuta a risolvere questa situazione.”

“Che cosa può invece aiutarci dandoci una mano a ripristinare un equilibrio acido basico?”

“Tre sono i presidi fondamentali: innanzi tutto uno stile di vita sano che comprende un’attività fisica ma l’importante è che sia costante e moderata.

Altro presidio sarebbe quello di allontanarsi il più possibile dalle fonti stresso-geni però è più facile a dirsi che a farsi.

La nutrizione anche essa è importante in quanto noi sappiamo che, la frutta e la verdura sono gli unici alimenti basificanti in grado di apportare sostanze che possano contrastare lo stato di acidosi. Il grado di acidosi in cui noi tutti vertiamo, dato il ritmo della vita moderna e la scarsa qualità della frutta e della verdura che arriva sulle nostre tavole ci costringerebbe a mangiarne svariati chili al giorno per avere un risultato significativo. Come possiamo fare? Arriva così in soccorso l’ acqua ionizzata alcalina.

L’acqua è un elemento che noi dobbiamo introdurre in grossa quantità durante la giornata, circa un due litri. Il fatto di introdurla ionizzata alcalina porta a numerosi vantaggi. Il primo è che il processo di ionizzazione rende maggiormente bio-disponibile ossia assimilabile elementi come il calcio, il magnesio, il potassio e il ferro che sono fondamentali per il buon funzionamento del nostro organismo.

Il fatto di averla alcalinizzata fa si che essa sia portatrice di un gran numero di basi in grado di contrastare in maniera significativa e sensibile l’acidosi tissutale.

Assumere quindi acqua alcalina e ionizzata è sicuramente un presidio facile, salutare e sicuro per mantenersi in forma, essere in salute e anche essere più belli.”

“Quindi ripristinando l’equilibrio acido- basico, grazie a tutti questi accorgimenti di qui abbiamo parlato, tra i quali l’acqua ionizzata alcalina, quali benefici può portare ad esempio nel nostro organismo gastro-interico?”

Sicuramente un miglioramento della digestione e il fatto di avere una pancia più piatta per la scomparsa di quel anestetico gonfiore addominale, legato abbiamo detto ad una mal digestione dei cibi e ancora una pelle più liscia perché scevra da cellulite, più luminosa in quanto lo stato di auto intossicazione dell’acidosi viene fortemente contrastato dall’apporto di basi dell’acqua.”

Dottor Antonio Canino: ginecologo, dirigente medico presso l’ospedale Niguarda cagranda di Milano, presidente della Commissione Sanità e Servizi Sociali del Consiglio di Zona 2 di Milano.

“Ciao sono Laura Perin, fondatrice del sito meglioinsalute.com.

Oggi siamo qui con il Dottor Antonio Canino, ginecologo, dirigente medico presso l’ospedale Niguarda cagranda di Milano, presidente della Commissione Sanità e Servizi Sociali del Consiglio di Zona 2 di Milano.

Dottor Antonio Canino ci può dire quali sono i benefici dell’acqua ionizzata alcalina in particolar modo per la donna nell’età della menopausa?”

“Per prima cosa bisogna dire che la menopausa, al di là di come la presenta la letteratura, i giornali, le riviste, non è un periodo di patologia per la donna ma è un periodo di fisiologia della donna. La donna vive 30 anni in menopausa. Abbiamo tantissime donne in menopausa e chiaramente questo è un periodo in cui ci possono essere più problematiche.

In quanto, la donna in menopausa ha già vissuto un certo numero di anni, una problematica può essere quella dell’accumulo dei radicali liberi. Adesso si parla molto dei radicali liberi, hanno un’azione ossidativa e sono probabilmente la causa dell’invecchiamento nel nostro organismo.

Tutti i prodotti alcalini che possono contrastare questa invasione dei radicali liberi fra cui anche l’acqua alcalina, sono indubbiamente benefici.

Nella donna in menopausa chiaramente il consumo dei prodotti alcalini, come l’acqua alcalina, possono indubbiamente diminuire la quota dei radicali, alcalinizzare il sangue e questo può essere un beneficio sicuramente per la pelle.

Sappiamo quanto la donna ci tenga alla sua pelle, al suo sistema ormonale, in particolar modo all’osso in quanto già da anni sappiamo che l’osso sta male in un ambiente di acidità.

Quando il pH del sangue si abbassa per contrastare questo abbassamento, dall’osso viene richiamato calcio, quindi in pratica la donna che ha un pH basso, quindi un sangue acido, è facile che perda ossa quindi va in contro all’osteoporosi, aumentando quella tendenza spontanea all’osteoporosi che la donna ha in menopausa.

Per cui l’utilizzo di prodotti alcalini sotto forma di polveri, pastiglie o sotto forma di acqua alcalina può essere ovviamente utile per uno dei problemi della donna in menopausa che è l’osteoporosi.

In più, se noi diminuiamo la quota dei radicali liberi, le donne stanno meglio si sentono meglio, più energetiche, sono più in salute, hanno una sensazione di benessere specialmente se la donna fa sport, uno sport fatto in maniera moderato è ottimo, uno sport fatto in maniera estrema non va bene in quanto quello può essere causa di accumulo di prodotti acidi.

Un’educazione ad un certo tipo di alimentazione, prevalentemente vegetale, al consumo di prodotti che non tendono ad aumentare l ‘acidità del sangue, da questo punto di vista, è sconsigliato un eccessivo consumo di carne, un eccessivo consumo di latticini, un eccessivo consumo di formaggi, può essere indubbiamente prestazione di alcalinazzione del sangue e di estremo beneficio per la donna specialmente in menopausa.”

Dottor Antonio dell’Aglio: medico chirurgo, odontoiatra, presidente dell’associazione Medica internazionale di nutri puntura europea e docente di diverse scuole di Medicina naturale

“Ciao sono Laura Perin fondatrice del sito meglioinsalute.com, oggi siamo qui con il Dottor Antonio dell’Aglio, medico chirurgo, odontoiatra, presidente dell’associazione Medica internazionale di nutri puntura europea e docente di diverse scuole di Medicina naturale.

Dottor Dell’Aglio ci può dire come mai a iniziato ad interessarsi all’acqua ionizzata alcalina?”

“Buongiorno, mi sono interessato all’acqua alcalina ionizzata perché è importante che un corpo umano sia ben alcalinizzato e per poter ottenere una buona alcalinizzazione è necessario utilizzare dei sistemi, qualcosa che lo possa mantenere alcalino.

Sono già stati fatti numerosi studi in medicina dove non si da grandissima importanza all’alcalinizzatone dell’organismo ma possiamo consultare qualunque libro di medicina naturale, in tutti i protocolli appunto di medicina naturale e il primo punto insieme alla disintossicazione c’è alcalinizzazione.

Naturalmente poi le varie ricerche sostengono un particolare tipo di prodotto piuttosto che un altro e così per evitare di utilizzare diversi e tanti prodotti sarebbe l’ideale utilizzare l’acqua alcalina ionizzata perché l’acqua è a disposizione di tutti.”

“Dottor dell’Aglio lei ha sempre utilizzato integratori alcalini per alcalinizzare l’organismo, ci può spiegare la differenza che ha notato tra l’utilizzo degli integratori alcalini e quella dell’acqua ionizzata alcalina?”

“Certo dunque già in prima battuta per dare un input immediato di alcalinizzazione ad un corpo che ha bisogno di essere disintossicato per curarsi allora si somministra per poco tempo queste sostanze come integratori alcalini ma per poi continuare ad alcalinizzare è necessario utilizzare un sistema che non deve essere prima di tutto non tanto costoso, per poi ricordarsi che bisogna andare a comprarlo e poi ricordarsi di prenderlo a delle ore ben stabilite e allora l’utilizzo dell’acqua alcalina ionizzata a questo punto va bene perché l’acqua è a disposizione di tutti a portata di un bicchiere e quindi a portata di mano.”

“Certo, molto più pratico. Lei a questo proposito ha proprio condotto un piccolo studio sull’acqua alcalina e sugli effetti dell’acqua alcalina ionizzata sull’organismo umano.
Ci può raccontare come ha condotto questo studio?”

“Lei ha proprio detto bene, un piccolo studio, perché io nel mio piccolo ho fatto una piccola ricerca e dunque 10 persone di età media, sia uomini che donne, senza patologie apparenti, avevano bisogno, come tutti noi, di essere alcalinizzati.

Abbiamo cominciato con l’assunzione di 5 bicchieri al giorno di acqua ionizzata alcalina ed è andato avanti questo lavoro per diversi mesi.

Abbiamo notato che all’inizio c’era un buon risultato immediato però non si manteneva nel tempo la stabilità del pH, le misurazioni avvenivano in modo molto semplice, lo facevano gli stessi fruitori di questa ricerca, con delle semplicissime cartine che si chiamano cartine al tornasole perché misura il pH urinario cosa che possiamo fare tutti ogni giorno.

Si misura il pH urinario a determinate ore della giornata, non dovremmo fare altro che annotare e stavo dicendo appunto che all’inizio non c’è una stabilità poi piano piano con il passare dei mesi, continuando l’assunzione dell’acqua alcalina ionizzata si stabilizzava e quindi si rimaneva ad un pH ottimale.

È inutile ora scendere nei particolari medici e scientifici ma fatto sta che il pH utilizzando l’acqua alcalina ionizzata rimane costante nel tempo dopo appunto una costanza di utilizzo di questa acqua che naturalmente deve provenire da qualche fonte e questa fonte dell’acqua alcalina ionizzata può provenire soltanto da un ottimo strumento il quale può essere uno ionizzatore oltre che depuratore di acqua.”

ionizzatori-acqua-alcalina-meglio-in-salute


Per chi cerca uno ionizzatore d'acqua alcalina di massima qualità, consiglio di rivolgersi a Meglio in Salute, azienda italiana che conosco bene, della quale ho massima stima e fiducia.

ionizzatori-acqua-alcalina-meglio-in-salute

L'unica acqua alcalina ionizzata che è stata oggetto di studi medico-scientifici pubblicati da riviste del settore accreditate è l'acqua alcalina prodotta con uno ionizzatore d'acqua tramite meccanismo di elettrolisi, con elettrodi in titanio e platino.

Per approfondire i benefici dell'acqua alcalina ionizzata prodotta da uno ionizzatore d'acqua di qualità:
Leggi tutti i benefici dell'acqua alcalina ionizzata.
Top